IMPERIA: CRISI RT, LAVORATORI SUL PIEDE DI GUERRA DOPO IL SUMMIT IN PREFETTURA. “SCIOPERO IL 14 SETTEMBRE, NON CI SONO RISPOSTE”/FOTO E VIDEO

Attualità Home

Si fa sempre più critica la situazione della Riviera Trasporti. I sindacati
, infatti, hanno annunciato uno sciopero per il prossimo 14 settembre

rt natta imperia lavoratori (2)

Si fa sempre più critica la situazione della Riviera Trasporti. I sindacati, infatti, hanno annunciato uno sciopero per il prossimo 14 settembre al termine del summit tenutosi questa mattina in Prefettura alla presenza del Prefetto Silvana Tizzano, del presidente della Provincia Fabio Natta, del presidente della Rt Riccardo Giordano, del Sindaco di Sanremo Alberto Biancheri e dei sindacati CGIL, CISL, UIL e UGL.

La società incaricata della gestione del servizio di trasporto pubblico in provincia di Imperia, alle prese con un bilancio deficitario, in rosso per un milione e 420 mila euro, rischia seriamente il concordato preventivo se entro settembre non si arriverà all’approvazione di un piano di risanamento.

Unica via d’uscita percorribile sembra essere la cessione dei due depositi di Sanremo e Ventimiglia. A riguardo, però, mentre con il Comune frontaliero le trattative sembrano essere a buon punto, sul versante sanremese la situazione appare molto più complessa, con un braccio di ferro con il Comune per quel che concerne la destinazione d’uso della stabile.

Fabio Natta

Spero ancora si possa evitare il concordato, per tantissimi motivi. In primis ovviamente, per i lavoratori, poi per gli utenti e per Riviera Trasporti in generale.

È stato un incontro che comunque ha dato dei risultati. Ancora una volta le persone presenti al tavolo hanno avuto in larghissima parte il dono della franchezza, della chiarezza e della concretezza. Non si è parlato di massimi sistemi, ma si è entrato nello specifico. Si è focalizzato qual’è il problema, e quali sono le possibili  soluzioni e qual’è la possibile soluzione immediata.

Pur non potendo ovviamente dire che le cose vanno bene, perché sarebbe scorretto  farlo, il confronto tra tutti a mio avviso può ancora avere dei margini per poter trovare una soluzione che metta in sicurezza  l’azienda, quanto meno che la faccia uscire da questo stato di tensione.

Credo che ci sia un senso di responsabilità da parte di tutti e che non si debba in questo momento fare nessun tipo di strumentalizzazione, anzi le strumentalizzazioni devono essere fortemente stigmatizzate da tutti noi, proprio perché generano confusione tra gli stessi lavoratori e questa è la cosa peggiore. I danni alla fine se le cose vanno male li hanno in primis proprio i lavoratori. Questo noi non lo vogliamo”.

Riccardo Giordano

“La riunione è stata positiva perchè si sono chiariti  alcuni  aspetti. Noi però abbiamo ribadito che rimane centrale per salvare l’azienda la vendita dei due asset immobiliari.

Quello di Ventimiglia è in uno stato avanzato che ci permette di dire che entro l’anno possiamo fare la vendita.

Quello di Sanremo, stiamo ancora ragionando sulla destinazione di uso che può essere accettata dal Comune di Sanremo e che ci permetta di trovare gli investitori in grado di mettere a disposizione risorse significative tali da garantire a RT di portare a compimento il suo piano di risanamento.

La partita è ancora sull’asse con il Comune di Sanremo”.

Marco Ghersi (CISL)

“La riunione di oggi non ha portato a niente, anzi siamo in una situazione di stallo. Avremo una riunione il 10, ma abbiamo già proclamato uno sciopero, si presume il 14 di settembre, perché la vertenza va avanti e non avendo avuto risposte da nessuno , né positive in nessun modo, siamo in questo stato qua.

Ci preoccupa ancora di più perché continua a passare il tempo e le risposte non ci sono. Più il tempo passa e più la situazione di Rivera Trasporti è compromessa”.

Segui Imperiapost anche su: