Golfo Dianese, Home — 21 agosto 2018 alle 16:48

DIANO MARINA: VALORI DELL’ACQUA FUORI LEGGE NEL 2013, LA PROVINCIA PRESENTA UN CONTO DI 9 MILA EURO AL COMUNE/ IL CASO

La contestazione della Provincia di Imperia è datata 2013 e ha fatto seguito a un verbale dell’Arpal che all’epoca effettuò dei rilievi nelle acque antistanti alla costa dianese

di Redazione

39821240_268749503955474_3593400575930138624_n

 

Novemila euro di multa. Questa la sanzione comminata al Sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori e al Comune di Diano Marina, obbligato in solido, dalla Provincia di Imperia. Il motivo? “Il superamento dei valori limite di emissione nell’impianto di sollevamento degli scarichi a mare del comune di Diano Marina”. 

La contestazione della Provincia di Imperia è datata 2013 e ha fatto seguito a un verbale dell’Arpal che all’epoca effettuò dei rilievi nelle acque antistanti alla costa dianese. Malgrado la difesa del Comune di Diano Marina e del Sindaco Chiappori, la Provincia ha deciso di confermare la sanzione e ordinando al Sindaco Giacomo Chiappori e al Comune di Diano Marina il pagamento di 9.000 euro “per la violazione dell’art. 133, commi 1 e 2 del D.Lgs. 03/04/2006, n° 152″.

Il comune ha deciso così di pagare per evitare da parte dell’Amministrazione Provinciale di Imperia, l’attivazione nei confronti del Comune di Diano Marina, obbligato in solido, della procedura di riscossione forzata a norma del T.U. 14/04/1910, n° 639 e s.m.i., della somma dovuta con conseguente aumento dei costi”.