IMPERIA: I PRIMI 60 GIORNI DELL’AMMINISTRAZIONE SCAJOLA:”RISPONDIAMO AI NOSTRI ELETTORI, DAL 1° SETTEMBRE SU RIFIUTI E PULIZIA”/ FOTO E VIDEO

Home Politica

Una disamina a 360° che ha toccato lo spinoso problema degli ascensori, rimasti in funzione solo una ventina di giorni ma che saranno riattivati in occasione delle vele d’epoca per poi restare un “gioiello” per la città di Imperia.

scajola conferenza 60

Oltre un’ora di conferenza stampa per relazionare ai cittadini attraverso i giornali i primi 60 giorni di amministrazione. Il Sindaco Claudio Scajola si è soffermato più volte sulle piccole cose, le piccole manutenzioni partendo dalla fontana di piazza Dante passando per l’orologio di palazzo civico e dal suo portone fino a parlare del porto turistico definito una “matassa aggrovigliata”, della raccolta rifiuti “porta a porta”, della pista ciclabile, del depuratore e del servizio idrico integrato. Nel mezzo il piano emergenza asfalti, i cambi di viabilità, le quote dell’autostrada, dell’acquisto di alcune telecamere, della pulizia straordinaria della città e dell’intenzione di investire molte più risorse per il verde pubblico.

Una disamina a 360° che ha toccato lo spinoso problema degli ascensori, rimasti in funzione solo una ventina di giorni ma che saranno riattivati in occasione delle vele d’epoca per poi restare un “gioiello” per la città di Imperia.

“Tengo sempre a ribadire – esordisce così il primo cittadino – che il primo dovere di un amministratore è di rispondere agli elettori con l’attuazione delle cose dette nella campagna elettorali, sulle quali ha preso il consenso, che è il vero contratto importante su cui si fonda la democrazia. Ci siamo visti quand’era passato un mese, non è ancora passato il secondo mese, perché mancano un paio di giorni, e volevo fare un riepilogo prima di lasciare spazio a voi per le domande che volete porre”.

I piccoli interventi di manutenzione (fontana piazza dante, orologio)

“Faccio una brevissima elencazione, da cose che potrebbero sembrare banali ma sono segnali importanti. La città dev’essere accogliente e curata, per essere accogliente e curata abbiamo iniziato a rimettere in funzione la fontana di piazza dante, l’abbiamo fatto in via provvisoria com’è evidente, ma facendo quelle piccole sistemazioni che hanno permesso alla fontana di essere riaperta anziché spenta. È quasi pronto il progetto per il restauro complessivo della fontana, con il rifacimento totale dell’impianto idraulico e dell’impianto elettrico, che permetterà attraverso la nuova impermeabilizzazione di essere una fontana nella piazza più importante della città. Abbiamo riattivato l’orologio del palazzo civico, perché se chiediamo alle persone di essere puntuali e attente alle loro cose, non potevamo dare il segnale che ci fosse un palazzo civico dove non funziona il suo orologio, e abbiamo rimesso in funzione anche la luce dell’orologio stesso”.

Il semaforo del Catasto, il verde pubblico e i cimiteri

“Sempre sulle piccole cose, ma che sono segnali, abbiamo riattivato il semaforo del catasto, abbiamo modificato la viabilità di via Santa Lucia. Sarà messa al vaglio con la riapertura delle scuole per vedere se la scelta è utile, per adesso ci pare di sì. Abbiamo fatto moltissimi interventi per il verde pubblico, c’è moltissimo da fare in questo settore. Abbiamo avviato la manutenzione straordinaria, abbattendo gli alberi secchi, e investiremo più risorse per dare un senso di attenzione alla cura del verde. Se vi è capitato di andare al parco urbano, dove c’era una situazione indecorosa nel posteggio delle auto e avrete premura di fare qualche foto, vedrete il cambiamento. Abbiamo terminato qualche giorno fa la pulizia straordinaria e lo sfalcio in tutti i cimiteri della città, che sono tredici ed erano in assoluto degrado da quel punto di vista. Ci saranno interventi entro 5 anni per riportare i cimiteri in uno stato di decoro come si deve, per i morti e per i loro cari che li vanno a trovare”.

Il Luna Park

“Abbiamo spostato il Luna park da Oneglia a Porto Maurizio, affinché a Oneglia il Largo Crispino potesse essere usato da cittadini e turisti come posteggio senza creare difficoltà nel periodo estivo, e abbiamo al contempo iniziato a utilizzare la banchina Anselmi, che è una bellissima banchina inutilizzata. E in pieno accordo con il comandante del porto abbiamo optato per questa soluzione. Ora valuteremo il da farsi per luna park invernale.” 

Gli ascensori (al momento fuori servizio)

“Nei 15 giorni di funzionamento hanno portato 36mila persone e hanno dato un servizio importantissimo ai turisti e ancor di più agli anziani e ai portatori di handicap. L’abbiamo fatto con personale di controllo per dare maggiore attenzione proprio agli anziani e ai disabili, e anche perché si potessero prevenire atti di vandalismo, perché è successo e stava per succedere anche in diverse occasioni, fermati dal nostro bravo personale, di portare sacchi di cemento, una carriola, la bicicletta, addirittura un motorino, evidentemente rendendo un servizio come quello a rischio, con le porte automatiche che si aprono e si chiudono. Il dato significativo è 36 mila persone. Adesso sono banalmente fermi, ma le riapriamo il giorno della riapertura delle Vele d’Epoca, perché su 2 ascensori, il 3° ha un sistema diverso, le molle che non hanno avuto manutenzione per molti anni hanno sofferto il fermo. Sono state individuate le ditte che producono il pezzo originale, sono in via di spedizione e li rimetteremo a posto, quindi faremo gli ultimi già annunciati provvedimenti di sostituzione sui carrelli, che permetteranno di essere 3 gioiellini funzionanti per il futuro, perché sono importantissimi per collegare Marina e Parasio”.

Gli arredi di via Cascione, i lavori alla scuola di Largo Ghiglia

“Nelle piccole cose abbiamo sistemato questo portone del palazzo in maniera molto dignitosa, come avrete visto, abbiamo arredato via Cascione, non è ancora completo l’arredo. Abbiamo messo vasi con piante, porta-biciclette, cestini getta-carta, e sono in arrivo sedute in legno. Abbiamo affidato i lavori per la riqualificazione energetica delle scuole di Largo Ghiglia”.

Abusivismo commerciale e sicurezza

“Abbiamo fatto un’intensa attività sul piano della sicurezza urbana, abusivismo commerciale, abbiamo fatto sequestri molto importanti, migliaia di pezzi. Un buon asse di collaborazione, come aveva annunciato anche prima, anche in virtù dei poteri del sindaco, con la questura per la sicurezza. E abbiamo avviato l’acquisto di un numero molto considerevole di telecamere che avranno la funzione di garantire la percezione di sicurezza dei cittadini l’individuazione non solo della criminalità diffusa, ma anche quella della maleducazione dei cittadini, che sarà fortemente perseguita”

Nuova stretta sulle deiezioni canine

“Le telecamere serviranno anche a sanzionare i padroni dei cani maleducati, il regolamento che in questa fase di attuazione con pene inasprite, dove posso già annunciare che ogni padrone di animale dovrà sapere che dovrà portarsi dietro le attrezzature per la defecazione del proprio animale e anche la bottiglia d’acqua per pulire, dobbiamo fare una città pulita e sicura”.

Le buche stradali

“Abbiamo avviato l’emergenza del tappare le buche in città. Tappare le buche che hanno fatto crescere a dismisura le azioni legale contro il comune, per persone cadute dal motorino, inciampate, ecc. È ancora in corso questo primo lavoro di emergenza per tappare le buche più pericolose”.

Pista ciclabile, la modifica al progetto e l’inserimento della navetta leggera

“Abbiamo portato avanti, e ringrazio i progettisti che non hanno fatto ferie ad agosto, la progettazione della ciclabile, con l’inserimento della navetta, che presenteremo alla cittadinanza il 21 settembre nell’aula del museo navale. Presenteremo il progetto esecutivo, anche con slides, su cui stanno ultimando il lavoro, e tutti i progettisti interessati, 9, più gli uffici locali, hanno lavorato giorno e notte e hanno fatto un progetto di altissimo livello, che approveremo in giunta giovedì 13 settembre, e spediremo subito dopo al palazzo del governo a Roma, in modo che sia certificata la provenienza entro il 15 di settembre. Sono lieto che in questa progettazione quanto ho sempre sostenuto sia percorribile, cioè riuscire a unire la ciclabile, l’allargamento di strade, l’arredo, perché questo progetto evidenziava forti debolezze sul piano del verde, un potenziamento del verde e la navetta nel suo percorso, che ha come obiettivo quello di arrivare dalla stazione di Porto Maurizio fino a Diano Marina, per gradi.

ZTL di Borgo Marina

“Abbiamo fatto le modifiche alla ZTL di Borgo Marina per i disabili, quindi possono entrare tutti i disabili di qualunque punto di residenza in città e turisti”.

Pulizia della città e il nuovo appalto della raccolta differenziata

“Abbiamo fatto partire, inizierà dal 1° settembre, la pulizia di 500 tombini, che sono assolutamente tappati e che sono quindi una causa di potenziale pericolo di allagamento, sia delle case private sia di luoghi importanti della viabilità. Abbiamo in via di comunicazione alla cittadinanza fatto partire un’opera di derattizzazione e di igienizzazione contro le blatte. Aumentiamo del 50% il numero delle trappole per topi in città, che erano fra l’altro da moltissimo tempo vuote. Con ordinanza ho assegnato alla Teknoservice il servizio di gestione di raccolta dei rifiuti, che si svolgerà in gradualità, dal 1° settembre saranno assunte 11 nuove persone dalla Teknoservice, già da stamattina ci sono 3 mezzi nuovi in aggiunta, sia per spazzolare e pulire la città, sia per raccogliere i rifiuti dai cassonetti.

Dal 1° settembre incomincerà la pulizia dei marciapiedi e delle vie cittadine, con la chiusura delle vie cittadine nei giorni predestinati, dei posteggi, per permettere la pulizia totale delle strade. Incomincerà con l’inizio dell’anno scolastico una campagna informativa sulla raccolta differenziata e sul porta a porta, che sarà svolto da personale specializzato,e partendo dalle scuole quindi dai bambini e dai ragazzi, andrà avanti con le famiglie, con i condomini, con le associazioni di categoria, in modo che il servizio di porta a porta inizierà il 1° febbraio e nell’ordinanza dove tutto ciò è previsto avrà come obiettivo che per i primi giorni di marzo Imperia avrà raggiunto il 65% della raccolta differenziata, oggi siamo al 36,5%, che ci fa pagare penali altissime, che si riflettono sul pagamento della TARI dei cittadini”.

Teatro Cavour

“Sempre in questi 58 giorni abbiamo modificato la bozza progettuale del teatro Cavour, i progettisti incaricati con i nuovi aiuti che gli sono stati dati finiranno per la settimana prossima il progetto esecutivo appaltabile, che dovrà permettere non solo la riapertura del teatro Cavour, anche intervenendo sulla sonorità del teatro, oltre evidentemente che sugli aspetti di sicurezza e di diminuzione del costo di gestione degli impianti, ma sistemerà anche il ridotto del teatro Cavour, e tutto il presidio, compresa la parte cosiddetta dell’appartamento della Contessa, perché riteniamo che l’area del Cavour possa ospitare un centro culturale dove ospitare iniziative di crescita. L’obiettivo è inaugurare Cavour il 26 novembre 2019, per San Leonardo patrono della città, con un’opera lirica”.

Porto turistico

“Sul porto ho svolto 5 incontri con le parti interessate, ho dato mandato fiduciario per dirimere questa aggrovigliata matassa, per raggiungere un accordo che permetta alla città di Imperia e quindi al comune di diventare titolare a titolo pieno della concessione. Sul sistema idrico integrato sarà notizia di domani, il Comune non può più tollerare che nelle sue casse e nei suoi bilanci manchino più di 11 milioni riscossi dall’AMAT per conto del comune e mai versati, e quindi è in corso un’azione, di cui parleremo domani e dopodomani, per rientrare in possesso di queste cifre con tutte le azioni conseguenti che il comune è pronto a fare. Per lo stesso motivo ho incontrato i sindaci e il presidente della provincia, e ho promosso una riunione ristretta per prendere una decisione. Noi abbiamo affidato il depuratore a Rivieracqua e il depuratore non viene gestito a dovere con la conseguenti manutenzioni”.

 Raccolta differenziata, il porta a porta

“Per arrivare al 65% di raccolta differenziata, ci puoi arrivare solo col porta a porta, il resto andrà in discarica, e così il costo della discarica, che è altissimo, si dimezza. Aumenta il costo del servizio, ma noi vogliamo la città pulita.Non ho fatto la proroga alla Teknoservice, perché qui son state fatte proroghe a non finire. Ho anche messo nell’ordinanza la partenza della gara, e il giorno dopo il vincitore della gara subentrante. La gara è aperta. Si parlava di AMAIE energia, se vuole partecipare è libera di partecipare. Non c’è stato mai nulla, non ho trovato niente perché non c’è niente, salvo le ordinanze del servizio che c’era prima, quindi la scelta non poteva che essere questa, ma facendo questa scelta ho voluto verificare che ci fosse una modifica del servizio, non un’ordinanza per mantenere Imperia sporca.

Nel frattempo ho voluto portare avanti una trattativa per eliminare il contenzioso, che era intorno ai 2 milioni, con la Teknoservice. Ciò significa che il costo di servizio della raccolta era anche un costo con delle sentenze che avete visto, che davano torto al comune. Se a raccogliere i rifiuti non può arrivare il mezzo, è evidente che ci sarà un punto di incontro il più vicino possibile tra più isole ecologiche.  Ci vogliono 3 cose: 1° una campagna informativa perfetta; 2° la collaborazione e l’educazione del cittadino. La repressione sarà durissima e le telecamere servono anche a questo.

Io mi ricordo la ghiacciaia, in casa mia, eravamo 7, papà mamma 4 figli e la collaboratrice domestica, (mima dimensione ridotta della ghiacciaia), siamo cresciuti e vissuti beni. Abbiamo miliardi di persone sotto la soglia di povertà e muoiono di fame, e noi in Italia abbiamo uno spreco del 33% dell’alimentare. Un terzo di quel che abbiamo in casa lo buttiamo via.

La raccolta porta a porta e la raccolta differenziata vedrete che servirà anche a educare meglio il rispetto nei confronti di quelli che stanno peggio, ecco perché partiamo nelle scuole. Siamo gli ultimi, siamo tra le ultime città d’Italia, non è un vanto è una vergogna. Dovevamo incominciarlo, non un pezzo alla volta, la campagna informativa dev’essere una sola, quando si parte quel giorno lì si parte, si fa una lunga preparazione prima di educazione, e anche perché la società con cui abbiamo fatto il contratto si attrezzi e si organizzi, a cominciare dagli 11 dipendenti in più, acquisto dei materiali, lavoro insieme ai nostri uffici per conoscere le ubicazioni. Bisogna raggiungere tutte le famiglie, 24mila famiglie a Imperia. Un lavoro immane, ma bisognava cominciarlo. Lo aggiusteremo in corso d’opera.  Nel sistema attuale in vigore, la domenica non c’era la raccolta. Adesso, già da adesso, è cambiato il sistema”.

La cessione delle quote della società autostrade

“Il prossimo consiglio comunale approveremo la cessione delle quote che con formale con delibera del consiglio d’amministrazione si andrà a ratificare la richiesta d’acquisto al comune di Imperia di tutte le azioni in suo possesso al costo unitario di 5,3 €, dandoci una scadenza, 31 agosto”. 

La pista ciclabile

“Prima non c’era un progetto esecutivo, c’era un’ipotesi progettuale sul quale si era chiesto il finanziamento, e il Comune l’ha ottenuto sulla base di un progetto iniziale. Era previsto che entro 15 settembre fosse mandato alla Presidenza del Consiglio il progetto esecutivo. Io sin dal 1° giorno ho fatto rivedere e ho lavorato con loro il progetto iniziale, anzitutto su 3 argomenti: 1, la verifica della possibilità di inserirci una navetta di trasporto passeggeri; 2, che fosse potenziato e riqualificato il verde; 3, che ci fosse la possibilità di alcune correzioni in riferimento all’intersecazione con la viabilità. Adesso questi indirizzi sono stati dati, queste cose le abbiamo fatte la prima settimana di luglio, devo ringraziare tutti i professionisti e i miei collaboratori interni, perché non abbiamo fatto ferie neanche a ferragosto.

Lo presenteremo il 21 settembre. Noi lo approveremo in giunta il 13 settembre, lo invieremo alla presidenza del consiglio come ci è stato chiesto e ribadito la settimana scorsa. Quell’emendamento sciagurato e dilettantistico prevede lo spostamento del finanziamento di 2 anni, ma poiché il finanziamento era articolato comunque già su 3 annualità, io credo che a noi alla fine sposterà poco, a meno che lo cancellino, sullo spostamento cambierà poco, noi ci presentiamo con il progetto compiuto, un bel progetto per la città.

Il tratto lascia scoperto il collegamento fuori dal comune di Imperia, barbarossa torre di Prarola per intenderci, sino al collegamento nel porto di San Lorenzo dove c’è il porticciolo turistico, ma noi lavorando col comune di San Lorenzo abbiamo già lavorato per collegarci. Progetto finisce alla stazione di Oneglia, ma abbiamo già lavorato per proseguirlo sino a Diano Marina, attraverso la navetta che entra in galleria e la pista ciclabile che va sull’incompiuta. Su questa parte qua avremo presto un incontro, che ho concordato col presidente della regione, per un accordo Comune-Regione, dove con loro valuteremo la possibilità di finanziamenti per alcune cose utili per Imperia, ad esempio per l’implementazione di questo percorso non finanziato, tenendo presente che c’era stato già un finanziamento sia della regione, sia del comune di Imperia sia del comune di Diano Marina, per il progetto presentato allora da area24, poi cancellato dal bilancio del comune di Imperia e dal bilancio della regione Liguria. Cercheremo di riattivarlo attraverso questo incontro con la presidenza della regione che terremo a Imperia”.

 La questione del debito Amat, diffide in arrivo

“Sul debito di Amat, i dirigenti dei due uffici, sia nei confronti di Rivieracqua sia di Amat, firmeranno un’articolata diffida. I nostri uffici mi hanno segnalato che Rivieracqua è inadempiente. Io devo difendere gli interessi dei cittadini imperiesi e del comune di Imperia e svolgere tutti gli atti che tutelino i cittadini e il comune di Imperia, quelle che saranno le conseguenze le valuteremo in itinere. Noi ci muoviamo sempre secondo legge e con grande capacità amministrativa”.

L’intervista di ImperiaPost al sindaco Scajola

La diretta della conferenza stampa

———

Segui Imperiapost anche su: