Imperia, porta a porta: emergenza rifiuti, 5 fotocamere per stanare gli incivili. “Già elevate 69 sanzioni”

Attualità Imperia

L’iniziativa del Comune di Imperia è finalizzata al contrasto dell’abbandono illecito di rifiuti, pratica che, purtroppo, si verifica quotidianamente in diverse aree sul territorio imperiese.

Acquistate 5 nuove fotocamere ambientali per stanare i “furbetti” della spazzatura. È questa l’iniziativa del Comune di Imperia finalizzata al contrasto dell’abbandono illecito di rifiuti, pratica che, purtroppo, si verifica quotidianamente in diverse aree sul territorio imperiese, la cui frequenza è aumentata in particolare con il passaggio al servizio di raccolta porta a porta.

Spazzatura: in arrivo 5 nuove fotocamere ambientali

Nel luglio 2018, l’amministrazione aveva deciso di acquistare le 3 fotocamere ambientali, fino a quel momento utilizzate a noleggio, per potenziare i controlli sul territorio.

“In questi mesi – si legge nella determinazione dirigenziale – le fotocamere ambientali sono risultate efficienti e funzionali tanto che è stato possibile contestare sessantanove violazioni alla vigente normativa in merito all’abbandono dei rifiuti, con pagamento in misura rido a in media di € 300,00“.

“Considerato che – si continua a leggere – nonostante l’esito favorevole dell’acquisto delle tre fotocamere, le stesse non risultano sufficienti a coprire tutto il territorio comunale soprattutto in questa fase di cambiamento della gestione del servizio di raccolta dei rifiuti che è caratterizzata da frequenti abbandoni, occorre implementare l’acquisto con almeno altre cinque fotocamere per poter contrastare adeguatamente ed urgentemente il fenomeno illecito che causa problemi anche gravi di igiene e decoro urbano”.

La ditta fornitrice, Geotech Engineering Srl, ha offerto l’acquisto ad un prezzo scontato a 3.000,00 euro per ogni fotocamera, al posto di 3.500,00 euro (prezzo di listino). La spesa complessiva sarà di 18.300 euro, iva inclusa.

“L’acquisto delle apparecchiature si continua a leggere – verrà ripagato grazie ai maggiori accertamenti sanzionatori che scaturiranno dalla possibilità di monitorare un numero superiori di siti ove avvengono gli abbandoni dei rifiuti oltre a garantire la tutela ambientale ed igienica contrastando tale fenomeno illecito”.

Segui Imperiapost anche su: