Fermato al Confine con 550 pacchetti di sigarette nascosti nel furgone, 30enne denunciato dalla Guardia di Finanza

Cronaca

Per oltre dodici ore, quaranta finanzieri del Comando Provinciale di Imperia e tre unità cinofile hanno attuato un dispositivo rinforzato di contrasto dei traffici illeciti

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

L’arresto di un latitante di nazionalità rumena ricercato dalla giustizia italiana e la denuncia di un trentenne moldavo per contrabbando di sigarette tra i risultati dell’intensificazione della vigilanza attuata dai finanzieri di Imperia lungo il confine di Stato.

Per oltre dodici ore, quaranta finanzieri del Comando Provinciale di Imperia e tre unità cinofile hanno attuato un dispositivo rinforzato di contrasto dei traffici illeciti, presso la barriera autostradale di Ventimiglia (entrata e uscita Stato) e presso gli altri valichi di Confine, Ponte San Ludovico e Ponte San Luigi.

Sotto il coordinamento del Gruppo di Imperia, istituito di recente proprio per migliorare controllo del territorio, i finanzieri delle tre Compagnie hanno controllato 300 persone e più di 60 mezzi, tra autovetture, autobus di linea e mezzi commerciali.

Tra questi è stato fermato un furgone in uscita-Stato carico di stecche di sigarette

Erano nascosti in un una scatola coperta da numerosi bagagli. Il conducente del mezzo, un trentenne moldavo non residente in Italia e diretto a Nizza, è stato denunciato per contrabbando e i 550 pacchetti di sigarette, per complessivi di 11 kg, sono stati sequestrati.

Il contrabbando di sigarette è un fenomeno in forte crescita per la differenza di prezzo praticato sul territorio Francese, quasi il doppio rispetto a quello di un pacchetto acquistato in Italia e dieci volte di più di quelli venduti nell’est Europa, luogo di provenienza del carico sequestrato.

Arrestato dalla Finanza un latitante

Durante il servizio è stata fermata, presso la barriera autostradale di Ventimiglia – Entrata Stato, anche una Alfa Romeo con targa spagnola, condotta da un trentenne romeno diretto verso il Paese di origine – secondo quanto riferito. Dal controllo si è appreso, però, dei numerosi precedenti penali e, soprattutto, che sul suo capo pendeva un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Genova per reati connessi all’immigrazione clandestina e per i quali doveva scontare la pena di 4 mesi di arresto. Una volta foto-segnalato, è stato condotto presso il carcere di Sanremo

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!