Imperia: Polizia Stradale, agenti in borghese per stanare chi parla al cellulare in auto

Cronaca Cronaca Imperia

Chi utilizza il cellulare alla guida, senza l’utilizzo di auricolari o di altri dispositivi, rischia una multa di 165,50 euro, 5 punti in meno sulla patente e il ritiro della stessa in caso di recidiva.

Controlli in borghese contro l’utilizzo del telefonino alla guida. È questa l’attività che sta portando avanti la sezione della Polizia Stradale di Imperia, tramite gli agenti a bordo di scooter e moto, con l’obiettivo di disincentivare una pratica che può mettere a repentaglio l’incolumità degli utenti della strada.

Telefonino alla guida: scattano controlli in borghese della Polizia Stradale

Negli ultimi anni, l’uso del telefonino in auto, una delle più diffuse cause di incidenti stradali, è aumentato del 150%. Un dato allarmante che ha spinto la sezione della Polizia Stradale di Imperia a istituire una serie di controlli in borghese, a bordo di moto e scooter, per le strade cittadine, per pizzicare i trasgressori del codice stradale.

Nel dettaglio, chi utilizza il cellulare alla guida, senza l’utilizzo di auricolari o di altri dispositivi, rischia una multa di 165,50 euro, 5 punti in meno sulla patente e il ritiro della stessa in caso di recidiva.

Comandante della Polizia Stradale di Imperia Gianfranco Crocco

“Purtroppo molti utenti continuano a usare il cellulare in auto – afferma il comandante della Polizia Stradale di Imperia Gianfranco Crocco –  Lo si usa un po’ per tutto, dalle telefonate alle chat, a internet. Soprattutto i più giovani, nati nell’era digitale, sono abituati ad avere sempre il cellulare collegato, per loro è normale e non si rendono conto di quanto possa essere pericoloso, per loro e per gli altri”.

 

Segui Imperiapost anche su: