Imperia: sequestro di persona, furto e spaccio, condannati Croce e De Bonis/La sentenza

Giudiziaria Imperia

De Bonis e Croce avrebbero sequestrato un coetaneo di poco più giovane obbligandolo a compiere un furto nell’abitazione dello zio.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Quattro anni di carcere per Luca Croce, 28 anni, 3 anni e 6 mesi di carcere per Davide Bonis, 26 anni. Così si è chiuso il processo, con la formula del rito abbreviato, che vedeva sul banco degli imputati i due giovani imperiesi, accusati a vario titolo di estorsione, furto, sequestro di persona, spaccio di droga, minacce, ricettazione e detenzione illegale di proiettili di pistola.

Il Pm Antonella Politi aveva chiesto per entrambi 3 anni e 4 mesi di carcere. Richiesta accolta e inasprita dal giudice, Massimiliano Botti.

Imperia: sequestro di persona, furto e spaccio, chiesta condanna

Secondo l’accusa, De Bonis e Croce, probabilmente per un regolamento di conti legato allo spaccio di droga, avrebbero sequestrato un coetaneo di poco più giovane obbligandolo a compiere un furto nell’abitazione dello zio che, però, dopo averli smascherati (in quanto in casa al momento del tentato furto), li avrebbe denunciati. De Bonis e Croce avrebbero così iniziato a minacciare l’uomo e il nipote affinché quest’ultimo ritirasse la querela.

Per quanto concerne invece le accuse di ricettazione e detenzione illegale di proiettili di postola, si tratta di contestazioni aggiuntive, emerse nel corso delle perquisizioni domiciliari. Nell’ambito dell’inchiesta, che ha preso il via negli ultimi mesi del 2016 a seguito della denuncia presentata dallo zio del giovane sequestrato, sono emersi anche diversi episodi di spaccio, in particolare hashish e marijuana, a minorenni.

Davide De Bonis e Luca Croce, era difesi dagli avvocati Marco Noto, Sandro Lombardi e Alessandro Mager.

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!