Imperia: esplosione acquedotto, ora indaga la Procura. Polizia Postale nell’ufficio Ambiente del Comune

Giudiziaria Imperia

L’Ispettore Ivan Bracco, affiancato da due agenti, si sarebbe recato presso l’ufficio ambiente, al terzo piano.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Blitz della Polizia Postale nella mattinata dell’11 novembre, in Comune, a Imperia. Gli agenti sono rimasti a Palazzo Civico per tutta la mattinata.

Imperia: Polizia Postale nell’ufficio Ambiente del Comune

L’Ispettore Ivan Bracco, affiancato da due agenti, si è recato presso l’ufficio ambiente, al terzo piano, dove ha sede il settore Lavori Pubblici, rimanendo a colloquio diverse ore con un funzionario. 

Oggetto della visita della Polizia Postale in Comune, secondo quanto trapelato, i continui guasti all’acquedotto comunale, con particolare riferimento all’esplosione della conduttura in via San Lazzaro che portò allo stop dell’erogazione dell’acqua, per diversi giorni, lo scorso 8 settembre.  

In particolare indagini sarebbero in corso per risalire alle cause delle continue rotture e per verificare modalità e tempistiche degli interventi di riparazione.

Al momento non vi sarebbero ipotesi di reato. 

L’acquedotto Roja, lo ricordiamo, nel tratto imperiese è in capo ad Amat che, essendo gestore cessato (dovrebbe subentrare Rivieracqua,) è soggetto a vincolo di non poter effettuare investimenti per interventi che eccedano dalla gestione e manutenzione ordinaria.

Negli ultimi mesi è in atto un vero e proprio braccio di ferro tra Comune di Imperia e Rivieracqua per la posa di nuove tubature dell’acquedotto, in sostituzione di quelle vetuste, sotto il sedime dell’ex ferrovia, nell’ambito dei lavori della pista ciclabile.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!