“Alassio riavrà il suo teatro”, l’annuncio del sindaco Melgrati. Sarà possibile grazie a un accordo fra il Comune, la società Itras e la società Arimondo, titolare di una catena di supermercati

Alassio e Andora

La notizia, nell’aria da tempo, è ufficiale: una sala polivalente da 250 posti sorgerà come l’Araba Fenice sulle ceneri del vecchio Cinema Colombo. L’accordo in parziale scomputo degli oneri di urbanizzazione per ospitare il trasferimento, da altra sede cittadina, di una media struttura di vendita e un parcheggio

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Grazie alla mia mediazione tra le parti avremo finalmente un nuovo un cinema ad Alassio, di proprietà del Comune, che potrà essere usato come teatro e sala congressi. Un grande successo per la città. Sono fiero di essere riuscito a mettere d’accordo le parti per questo importante risultato”. L’annuncio è del sindaco di Alassio Marco Melgrati.

Spiega Melgrati: “Ci lasciamo alle spalle un annus horribilis,  ma questo finale d’anno, dopo la lunga sessione di Consiglio comunale, con l’approvazione del Bilancio di Previsione e del DUP, si presenta davvero entusiasmante e lascia ben sperare per l’anno che verrà. Poi, la firma dell’accordo tra privati, la Società Itras, titolare dell’ex Garage Marines e la Società Arimondo, titolare di una catena di supermercati sul territorio ligure, che apre le porte alla realizzazione, in luogo del vecchio Cinema Colombo, di una nuova sala polivalente, cinema, teatro e congressi da 250 posti nel pieno centro della città e supportata anche dal sottostante parcheggio”.

Il progetto prevede che la media struttura di vendita, già presente sul territorio alassino si sposti al piano terreno, la sala polivalente al primo piano e, nel piano interrato, il parcheggio che sarà al servizio dei clienti  dalle 8 alle 20 e dalle 20 alle 8 per gli avventori di cinema, teatro o sala congressi.

Prosegue Melgrati: “L’accordo prevede che la sala venga realizzata in parziale scomputo degli oneri di urbanizzazione e sarà ceduta in proprietà al Comune di Alassio, che si dovrà occupare degli arredi e della dotazione tecnica. L’operazione avrà anche una ulteriore ricaduta positiva sull’aspetto estetico dell’edificio che ridurrà i volumi (1800 mc in meno) precedentemente occupati dal cinema, restituendo a forme, dimensioni e aspetto consono un’area oggi in stato di semi abbandono“.

Il sindaco Marco Melgrati: “Con la nuova sala si potrà anche destagionalizzare grazie al turismo congressuale. Alassio riavrà il suo teatro e non solo quello”

Conclude il sindaco di Alassio: “Quelli della mia generazione, hanno ancora negli occhi le immagini degli spettacoli, degli eventi alla Sala Hanbury. Dalla chiusura di quella storica sala, oggi dismessa e sventrata per far spazio a box auto, operazione sempre osteggiata dal Comune in ogni fase di giudizio, il mio sogno, come quello di molti altri era quello di riavere un teatro una nuova sala polivalente nella nostra città. Le stesse associazioni di categoria avevano più volte segnalato questa esigenza, anche al fine di destagionalizzare con il turismo congressuale i flussi turistici o per farne centro di aggregazione culturale. Ci accorderemo con un gestore che coordinerà la programmazione cinematografica lasciando al Comune gli spazi consoni per calendarizzare stagione teatrale, eventi culturali, concerti, convegni. Sono felice di essere il sindaco che ha caldeggiato la trattativa, quello che oggi riesce a dare alla sua città questo annuncio: Alassio riavrà il suo teatro in proprietà. E non solo quello“.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!