Covid: suolo pubblico, sfogo Sindaco di Prelà. “Partiti fanno a gara per ingraziarsi i commercianti, il nostro Comune l’ha tolto già dal primo lockdown. È questione di buon senso”

Attualità Entroterra

Il Sindaco di Prelà Eliano Brizio sul pagamento del suolo pubblico durante l’emergenza Covid.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Abbiamo cercato subito di dare un segnale di vicinanza alle attività in sofferenza, senza aspettare ideologie politiche. È questione di buon senso“. Così il Sindaco di Prelà Eliano Brizio interviene nell’ambito della discussione sul pagamento del suolo pubblico e, in particolare, alle richieste di alcuni partiti politici di esentare le attività commerciali in questo periodo di emergenza Coronavirus.

Covid: suolo pubblico, lo sfogo del Sindaco di Prelà Eliano Brizio

“In quest’ultimo periodo non si fa che parlare di suolo pubblico e, sui giornali, anche a livello nazionale, leggo comunicati di partiti politici che propongono di renderlo gratuito, cercando probabilmente di ottenere il consenso dei commercianti.

Il Comune di Prelà, nel suo piccolo, già dal 2020, dal primo lockdown, ha emesso una delibera per togliere il pagamento del suolo pubblico a tutte le attività commerciali che gravitano sul territorio. Inoltre, abbiamo anche abbuonato l’affitto ai ristoranti per i periodi che hanno chiuso totalmente, in zona rossa. Abbiamo anche applicato la riduzione della Tari, come indicato a livello regionale. 

Faremo lo stesso anche quest’anno. Abbiamo cercato subito di dare un segnale di vicinanza alle attività in sofferenza, senza aspettare ideologie politiche. È questione di buon senso”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!