Imperia: con il Reddito di Cittadinanza chiedono contributi per l’affitto. Comune contesta 58 dichiarazioni mendaci

Attualità Imperia

Sono 196 le domande ammesse al bando per l’erogazione dei contributi comunali per il parziale rimborso degli affitti dell’anno 2019, mentre sono 109 quelle escluse.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Sono 196 le domande ammesse al bando per l’erogazione dei contributi comunali per il parziale rimborso degli affitti dell’anno 2019, mentre sono 109 quelle escluse. Di queste ultime, ben 58 sono state rigettate per “dichiarazione mendace in quanto percettore di Reddito di Cittadinanza”. È quanto si apprende dalla nota pubblicata dall’amministrazione sul sito del Comune di Imperia.

Tra le altre motivazioni di esclusione dal contributo, la documentazione non completa, la domanda pervenuta oltre i termini concessi e l’aver beneficiato di un contributo affitto per l’anno 2019.

Imperia: contributi affitto, 196 domande ammesse e 109 escluse

Si comunica che, con determinazione dirigenziale n. 637 del 25 maggio 2021, sono stati approvati gli elenchi degli aventi diritto e dei non ammessi.

Si dà atto che sono pervenute nei termini previsti dal bando (con scadenza al 14.05.2021) complessivamente n. 305 istanze e che, a seguito dei previsti controlli, è emerso che:

  • n. 196 istanze sono state ammesse (allegato A) in quanto rispondono ai requisiti previsti dal bando;
  • n. 109 istanze sono state escluse (allegato B) in quanto mendaci e/o mancanti di uno o più requisiti previsti dal bando e/o non conformi a quanto previsto dall’art. 5 del bando stesso.

Non appena terminata la procedura amministrativa di liquidazione, i contributi concessi verranno accreditati tramite bonifico bancario.

Per coloro che hanno richiesto l’accredito per cassa, il contributo loro concesso verrà liquidato con assegno circolare non trasferibile da ritirarsi presso lo sportello di cittadinanza sito in piazza Dante n. 4, previo appuntamento.

É possibile avanzare ricorso al Dirigente del Settore Servizi Sociali, Prima Infanzia, Attività Educative e Scolastiche entro 30 (trenta) giorni dalla pubblicazione del suddetto atto di approvazione sul Sito del Comune di Imperia che ha valore di notifica per gli interessati, solo se i motivi riguardano fattispecie diverse da quelle descritte all’art. 5 del Bando in questione.

Il ricorso deve essere steso con chiarezza e sintesi, indicando esattamente le proprie generalità e recapito, l’atto che si contesta ed i motivi specifici su cui si fonda il ricorso medesimo, utili alla identificazione delle tesi sostenute a supporto della domanda.

Il Dirigente, esaminato il contenuto del ricorso, sentito il parere dei Funzionari P.O. responsabili di procedimento, si esprimerà in via definitiva entro i termini previsti dalla normativa vigente.

Per i dettagli:

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!