Imperia: nasce un gruppo Facebook “Basta rotture acquedotto”. L’obbiettivo è “cercare di smuovere le istituzioni”

Attualità Imperia
A seguito delle continue rotture dell’acquedotto del Roja, che spesso mettono in crisi la fornitura idrica in tutto il Golfo Dianese, ora è nato un gruppo Facebook. A crearlo è stato Claudio Rigano, un pensionato che in questo modo punta a smuovere le istituzioni.

“Negli anni solo chiacchiere e mai azioni definitive”

Scrive Rigano presentando il suo gruppo, che ha già raccolto, in poche ore dalla nascita, diverse decine di adesioni: “Questo gruppo di cittadini è stato creato per cercare di smuovere le istituzioni su un problema che da decenni affligge il Golfo Dianese: le rotture dell’acquedotto con conseguente blocco dell’erogazione idrica. Negli anni sono state fatte solo chiacchiere, ci sono state decine e decine di rotture, ma mai si è proceduto ad azioni definitive, prima fra tutte la sostituzione in toto della tubazione che da Oneglia porta l’acqua nel Golfo Dianese. Questa è interessata da pesantissimi fenomeni corrosivi, indotti da correnti vaganti generate da decenni di passaggio dei treni. In questo gruppo non sono ammessi commenti di tipo politico, ma solo considerazioni concrete, espresse in modo educato e collaborativo. Chi si esprimerà in modo non consono sarà estromesso dal gruppo e si assumerà in pieno la responsabilità delle sue affermazioni”.Rigano come prima mossa intende rivolgersi al sindaco di Diano Marina Cristiano Za Garibaldi. E scrive: “Il gruppo nasce con uno spirito partecipativo, per cui, secondo le regole indicate, sono ben accette competenze, idee e proposte. La prima azione propongo sia quella di scrivere al sindaco di Diano Marina, chiedendogli di portare a nostra conoscenza il piano operativo per la sostituzione del tratto di tubazione tra Oneglia e Diano Marina, causa del 95% dei nostri problemi”.