Imperia: negoziante a processo per minacce, assolto in Tribunale. “Il fatto non sussiste”

Giudiziaria Imperia

Si è chiuso con l’assoluzione, in Tribunale, a Imperia, il processo che vedeva sul banco degli imputati un negoziante di 43 anni, originario del Bangladesh, accusato di minacce.

Imperia: minacce a un vicino di casa, assolto in Tribunale

Secondo l’accusa il 43enne, difeso dall’avvocato Ramadan Tahiri del foro di Imperia, avrebbe minacciato un vicino di casa che avrebbe protestato chiedendo al negoziante di non far più sedere nel dehor del proprio locale clienti ubriachi. 

Nel dettaglio, il 43enne, brandendo un bastone, avrebbe minacciato il rivale avvertendolo che, se non si fosse allontanato, avrebbe dato da bere gratis ai clienti per poi “far spaccare la testa a te e ai tuoi fratelli”. 

Questa mattina, in aula, il legale, l’avvocato Tahiri, è riuscito a dimostrare che la presunta vittima, all’epoca dei fatti, all’arrivo delle forze dell’ordine non aveva fatto riferimento ad alcuna minaccia da parte del negoziante.  L’imputato è stato così assolto dal giudice monocratico Sonia Anerdi perché “il fatto non sussiste”.