Imperia: a Costa d’Oneglia la Notte Bianca e la Festa della Bandiera Argentina. Musica, balli e specialità gastronomiche/Le immagini

Attualità Cultura e manifestazioni Imperia

Dopo due anni di stop a Costa d’Oneglia sono tornati la Notte Bianca e la XXXV Festa della Bandiera Argentina, che, come in passato, hanno allegramente invaso tutto il centro storico della frazione, con spettacoli di musica, danza e bancarelle.

Avanzata la proposta di una sede a Imperia della Camera di commercio italo-argentina e si lavora sul “turismo di ritorno”

Completamente rinnovato il programma degli spettacoli: Tango, 10 concerti live, dal rock, al folk e al pop, 2 dj set, 4 mostre e prelibatezze gastronomiche per tutti i gusti, con ingresso gratuitobus navetta gratuiti di collegamento con piazza Dante, fino all’una di notte.

La serata è stata aperta dalla commemorazione ufficiale della XXXV Festa della Bandiera Argentina, per celebrare lo storico legame tra Costa d’Oneglia ed il suo circolo culturale Manuel Belgrano, con l’Argentina. Il corteo delle autorità ha raggiunto il busto del Generale Manuel Belgrano e la Piazza del Duomo nel centro del paese e ha visto la partecipazione, fra gli altri, del sindaco e presidente della Provincia Claudio Scajola, di Luis Niscovolos, Console Argentino di Milano, di Alessandro Piana, vice presidente della Regione, di Enrico Lupi, presidente Camera di Commercio Riviere di Liguria e di Giuseppe Cassini, presidente Circolo Manuel Belgrano.

Sottolinea il sindaco Claudio Scajola: “Quella di Costa d’Oneglia è sempre stata una festa di alta qualità, dove c’è una condivisione completa, non solo da parte dei residenti, ma anche da parte di tutta la città che vive questa festa come l’inizio dell’estate. Dobbiamo essere vicini all’Argentina in un ulteriore momento difficile della sua storia. Io non posso che portare il saluto alla comunità di Costa d’Oneglia e ringrazio chi, di questi tempi, ha ancora voglia di mettere insieme un incontro di persone. Dobbiamo pensare alla nostra città comune una comunità

Dice Giovanni Rainisio: “Tre punti importanti. Vogliamo proporre a Imperia la sede della Camera di commercio Italo argentina. Ci sono tante possibilità di commercio e interscambio. Vorremmo organizzare a Imperia un’associazione per riunire tutte le città gemellate con l’Argentina. Infine, vorremmo sviluppare un lavoro importante sul turismo di ritorno, sviluppando un progetto europeo per diventare protagonisti. Noi pensiamo al futuro, oltre a organizzare questa festa per mantenere le nostre tradizioni. Con un po’ di coraggio, perché per organizzare qualcosa in un piccolo paese, permettermi di dirlo, ci vuole coraggio”.

Il Console argentino Niscovolos dice: “Grazie mille per tutto. Siamo qui per la tradizionale commemorazione della Fondazione della Bandiera Argentina. L’Argentina ha molto da offrire in questo momento di crisi globale e ha bisogno di uno sguardo fiducioso verso le sue potenzialità. Il Consolato argentino a Milano si adopera per la promozione della nostra cultura. Accogliamo con sommo piacere questa iniziativa. L’idea di una Camera di Commercio italo-argentina è certamente da portare avanti con convinzione”.

Enrico Lupi sottolinea: Stiamo lavorando e studiando per proseguire l’idea dell’apertura di una sede a Imperia della Camera di Commercio Italo-Argentina. Il 2023 è l’anno del turismo di ritorno e non bisogna perdere questa occasione“.

In occasione della festa è stato premiato un “costese DOC”, Matteo Mareri, che ogni anno con il papà Federico prepara la torta italo-argentina, portando avanti la tradizione della storica attività di famiglia, la Pasticceria “Angelo” di Castelvecchio.