Diano Marina: il parco di Villa Scarsella gremito di pubblico per l’incontro con Toni Capuozzo/Video e Foto

Attualità Cultura e manifestazioni Golfo Dianese

Parco di Villa Scarsella gremito di pubblico ieri sera per l’incontro con il giornalista Toni Capuozzo, che ha presentato i suoi libri “Lettere da un Paese chiuso – Storia dell’Italia del coronavirus” e “Balcania – L’ultima guerra europea”.

In apertura di serata ha portato il saluto dell’Amministrazione comunale il sindaco Cristiano Za Garibaldi

In apertura di serata ha portato il saluto dell’Amministrazione comunale il sindaco Cristiano Za Garibaldi. Sul palco è intervenuto il Generale Marcello Bellacicco, amico di Capuozzo dai tempi della guerra nell’ex Jugoslavia. L’incontro è stato moderato dal collega Andrea Pomati.

Spiega Toni Capuozzo: “Un passato recente nel caso della pandemia e un passato lontano di 30 anni, nel caso della guerra che ha visto disfarsi la Jugoslavia. Credo che entrambe queste vicende non sono purtroppo cose che possiamo considerare chiuse per sempre. Per la pandemia siamo ancora storditi da una cosa che non ci aspettavamo e non capiamo quando possa essere un capitolo chiuso. L’altra è un po’ una storia lontana di una guerra molto vicina a noi, che ci è sembrata più lontana di quanto non sia la guerra di oggi fra Ucraina e Russia, perché allora eravamo distratti da altri eventi, come mani pulite, le stragi di mafia, Falcone e Borsellino. Credo che riflettere sulla quella guerra aiuti a capire quanto sta accadendo oggi, per capire quanto è destinato a durare in termini di odi e divisioni. Non c’è stato l’addio alle armi e la vera pace e questo ci fa temere che sarà così anche in Ucraina.

In Afghanistan è la storia di un’illusione e dobbiamo ricordare che sono morti 53 italiani, che hanno provato a portare pace in quella terra. Chi non può permettersi di archiviarla sono le donne e le ragazze afgane, che avevano ottenuto un minimo di diritti e ora l’Afghanistan è precipitato in un regime ultra conservatore e oppressore della dignità delle donne e questo pesa più che alla fine del secolo scorso. Le abbiamo illuse per vent’anni che potessero approdare ai normali diritti e un anno fa le abbiamo abbandonate. Ed era una missione Nato anche quella. Non si capisce cosa ora ci consenta di essere ottimisti con l’Ucraina dopo questa brutta figura.

Il sindaco Cristiano Za Garibaldi

Sottolinea il sindaco Cristiano Za Garibaldi: “Su questo palco di Villa Scarsella si sono avvicendate tantissime personalità e voglio ricordare anche il premio a Oriella Dorella. Purtroppo, anche a Ferragosto non si fermano le guerre e i momenti brutti ed è giusto fare un momento di riflessione con Toni Capuozzo, che non solo presenta i suoi libri, ma ci offre anche lo spunto per riflettere e dialogare su cose tristi che succedono nel nostro mondo“.