15 Giugno 2024 07:31

Cerca
Close this search box.

15 Giugno 2024 07:31

Imperia: botte alla madre che perde l’occhio, 30enne a processo. È accusato di 10 anni di maltrattamenti

In breve: Il 30enne è accusato anche di maltrattamenti nei confronti della nonna 97enne, perpetrati per circa 10 anni.

Prenderà il via oggi, martedì 8 novembre, in Tribunale a Imperia, il processo che vede sul banco degli imputati il 30enne che, lo scorso dicembre, è stato arrestato per aver aggredito con violenza la madre 58enne.

L’uomo, difeso dall’avvocato Davide La Monica del Foro di Imperia, è attualmente detenuto presso il carcere Marassi di Genova, ed è accusato di lesioni personali aggravate, porto di armi atti a offendere e maltrattamenti contro familiari.

Secondo l’accusa, il 30enne sarebbe responsabile di maltrattamenti nei confronti della madre 58enne e della nonna 97enne, perpetrati per circa 10 anni, tali da instaurare un regime di “vessatoria prevaricazione” e rendere “intollerabile la prosecuzione della convivenza”, causando in entrambe le familiari uno stato di “costante paura per la propria incolumità, facendole vivere in un clima di terrore”.

Imperia: maltrattamenti sulla mamma e sulla nonna, a processo un 30enne

Nel dettaglio, secondo l’accusa l’uomo avrebbe verbalmente le donne, accompagnando spesso le sfuriate con lancio di oggetti, danneggiando e rompendo mobili e porte. Inoltre, le avrebbe minacciate frequentemente, affermando frasi come “quando arriveranno i mussulmani vi faranno fuori tutti”, “Ti ammazzo non vali niente”. I rumori e gli urli venivano spesso uditi dai vicini di casa.

Il 30enne avrebbe umiliato la madre affermando che “la donna era inferiore all’uomo” e che “avrebbe dovuto indossare ili burqa” e altre frasi denigratorie. In più occasioni, circa una decina, l’avrebbe aggredita fisicamente, con calci, pugni e schiaffi, accusandola di averlo fatto arrabbiare.

In particolare, a dicembre 2021, il 30enne avrebbe aggredito con violenza la donna con pugni al volto, alla testa e al torace, colpendola con una maniglia del forno, divelta in preda all’ira, e anche con un coltello.

A causa dell’aggressione, la 58enne avrebbe riportato lesioni gravissime, perdendo l’occhio destro, oltre a riportare uno pneumotorace, ematomi e contusioni. La donna per questo è stata ricoverata all’Ospedale San Martino di Genova in prognosi riservata.

In più occasioni, il 30enne avrebbe aggredito anche la nonna 97enne, spingendola, schiaffeggiandola e picchiandola. In un episodio, in particolare, nel corso di un litigio, l’uomo avrebbe appoggiato un cuscino sul volto dell’anziana. Una situazione che poteva concludersi in una tragedia se non fosse stato per l’intervento della madre 58enne per interrompere l’azione.

Il legale difensore del 30enne, avvocato Davide La Monica, in sede di udienza preliminare, ha presentato la richiesta per l’esecuzione di una perizia psichiatrica sul proprio cliente che sarà acquisita oggi nel fascicolo del processo dinanzi al collegio.

Dalla perizia del dott. Stracquadaneo emergerebbe la totale incapacità di intendere e volere dell’imputato.

Condividi questo articolo: