Diano Marina: casa di riposo e politiche per la terza età, “Diano Domani” all’attacco dell’amministrazione. “Nostri anziani vengano sostenuti. Dal Comune tanti interrogativi senza risposta”

Golfo Dianese Politica Politica

“Le risposte ricevute nell’ultimo consiglio comunale da parte dell’Amministrazione e relative alla nuova gestione della Casa di Riposo “Morelli” non ci trovano assolutamente soddisfatti – Queste le parole di Francesco Parrella e Micaela Cavalleri del gruppo Diano Domani, in merito all’ultimo Consiglio Comunale della città degli aranci.

Casa di riposo e politiche per la terza età: interviene Diano Domani

Sembra che i Nostri vivano su un pianeta parallelo, tra garanzie di mantenimento di tutti i posti di lavoro, purtroppo disattese, e mancati chiarimenti sulle responsabilità di una gestione così tanto deficitaria da portare alla vendita come passaggio quasi obbligato per evitare il default totale.

L’unica strada che riteniamo adesso percorribile, e doverosa, è quella che vede il Comune rimodulare la convenzione con la Casa di Riposo, anche in virtù del riassetto societario, ampliando i 15 posti attualmente oggetto dell’accordo e soprattutto investendo maggiormente così da poter ridimensionare le rette degli ospiti e permettere alle famiglie dianesi ed agli anziani dianesi di tornare ad avere assistenza in una struttura che, fin dalla sua nascita, per espressa volontà delle famiglie benefattrici, aveva proprio quell’obiettivo.

Ed a proposito di assistenza ai nostri anziani, chiediamo all’Amministrazione di rivedere anche gli attuali accordi con il centro “Ada Carlotta Garibaldi” di via Genova, che da sede di numerose attività di intrattenimento per dianesi e turisti nel corso degli ultimi anni è sempre stato più trascurato.

Prima il destinatario della donazione della Signora Garibaldi, e cioè proprio la Casa di Riposo “Morelli”, ha deciso di vendere il piano superiore che ospitava due saloni molto ampi per passatempi vari e poi il Comune di Diano Marina, nelle ultime legislature, ha ridotto drasticamente i contributi obbligando i gestori (da qualche anno la Morelli non segue più i lavori del Centro, anche se ne resta proprietario) a limitare fortemente l’offerta, aprendo a singhiozzo. Anche in questo senso bisogna intervenire per garantire spazi e attività a vantaggio degli anziani dianesi.

Chiediamo dunque con forza che l’Amministrazione prenda finalmente a cuore le questioni che riguardano l’ampia fascia di residenti ed ospiti della terza età, colonne di ogni famiglia, attraverso investimenti maggiori e che grazie alla propria rappresentanza nel Cda della nuova società possa seguire con maggior interesse vicende che stanno a cuore a tutti i Dianesi.

A tal proposito, il Sindaco Za ha finalmente aperto ad una rappresentanza del nuovo consiglio di amministrazione all’opposizione? Noi proponiamo con forza l’ingresso della Dottoressa Luisa Barcella, ex assessore alle politiche sociali e figura assolutamente cristallina. Non si potrebbe fare scelta migliore. Attendiamo ora che dalle parole si passi, finalmente, ai fatti”.