18 Maggio 2024 19:03

Cerca
Close this search box.

18 Maggio 2024 19:03

Imperia: proscioglimento Roberto Tribuno, la nota della Clinica Sant’Anna

In breve: Ecco la nota della Clinica Sant'Anna a seguito della sentenza di non luogo a procedere per il Dott. Roberto Tribuno, legale rappresentante della Sant’Anna Srl, nell'ambito dell’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza.

Ecco la nota della Clinica Sant’Anna a seguito della sentenza di non luogo a procedere per il Dott. Roberto Tribuno, legale rappresentante della Sant’Anna Srl, nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza.

Sentenza di non luogo a procedere per il Dott. Roberto TRIBUNO, legale rappresentante della Sant’Anna Srl

Con sentenza di non luogo a procedere del 3 marzo 2023, il Giudice dell’Udienza preliminare – Dott. Massimiliano BOTTI – si è pronunciato in merito alle contestazioni mosse al Dott. Roberto TRIBUNO per asserite responsabilità di plurime condotte di rilevanza penale, tra cui truffa e peculato, poste in essere tra il 2012 ed il 2017 dalla gestione della Casa di Cura Sant’Anna di Imperia, di cui solo dal 2017 è il legale rappresentante.

Le contestazioni asserite erano relativamente all’effettuazione di analisi (prelievi ematici) e di trasporti in ambulanza a favore di pazienti e degenti in regime di convenzione presso la Casa di Cura Sant’Anna di Imperia.

Da subito, l’impostazione accusatoria per come formulata, suscitò serie perplessità sia in ordine alla configurazione dei reati in contestazione, sia in ordine ai soggetti attinti dall’imputazione stessa ed alla loro effettiva qualifica e coinvolgimento nei presunti fatti.

Il Dott. TRIBUNO non risultando essere il soggetto “giusto” a cui potessero essere ascritte eventuali responsabilità nella genesi dei presunti fatti oggetto di contestazione, e che comunque, delle quali non ebbe mai alcun ruolo e coinvolgimento, chiese tramite l’Avvocato Enrico T. PANERO, pronunciarsi sentenza di non luogo a procedere in relazione ai reati a lui ascritti per non aver commesso il fatto, neanche in concorso ex art. 110 c.p. e/o perché il fatto non sussiste o non costituisce reato.

Accolte le eccezioni sollevate dalla difesa, il GUP ha così definito un processo lungo ed articolato che vede, in oggi, il Dott. TRIBUNO sollevato da ogni responsabilità in merito ai reati contestati né in forma diretta, né in forma indiretta.

Condividi questo articolo: