Attualità, Cronaca, Home — 2 ottobre 2013 alle 09:02

PRESIDIO DAVANTI AL COMUNE DI IMPERIA DEI LAVORATORI DELL’OTTAGONO DA 100 GIORNI SENZA LAVORO

I dodici lavoratori della cooperativa “Ottagono” scendono in piazza per chiedere, dopo cento giorni di incertezza, che i patti, le promesse a loro fatte vengano rispettate. Sino al 18 giugno scorso erano impegnati nei servizi di raccolta e di igiene urbana nei comuni di San Lorenzo, Civezza, Prelà, Costarainera e Civezza. Secondo i lavoratori il capitolato d’appalto parla chiaro: “il […]

di Gabriele Piccardo

image
I dodici lavoratori della cooperativa “Ottagono” scendono in piazza per chiedere, dopo cento giorni di incertezza, che i patti, le promesse a loro fatte vengano rispettate. Sino al 18 giugno scorso erano impegnati nei servizi di raccolta e di igiene urbana nei comuni di San Lorenzo, Civezza, Prelà, Costarainera e Civezza. Secondo i lavoratori il capitolato d’appalto parla chiaro: “il nuovo gestore, la Tra.De.Co. SPA., avrebbe dovuto assorbire tutti i lavoratori impiegati nei servizi di igiene ambientale operanti nei 35 comuni interessati dall’appalto.

Così, però, non è stato e i lavoratori si trovano in un limbo burocratico inaccettabile. Dopo l’incontro di ieri in Comune ad Imperia sembra che non ci siano risposte concrete nei confronti dei dodici lavoratori e che il progetto che avrebbe garantito loro di proseguire nella loro attività lavorativa si sia arenato. “Noi rivogliamo il nostro posto di lavoro – spiegano i lavoratori – sono 100 giorni che non percepiamo né stipendio né disoccupazione. Vogliamo chiarezza, vogliamo la verità, vogliamo certezze per il nostro futuro. Hanno lasciato a casa anche degli invalidi”.

 
 
 
FR_vetrine_3