Home, Imperia — 15 aprile 2014 alle 17:23

IMPERIA. BLOCCATA SULLA CARROZZINA È COSTRETTA A RECARSI DALLA MUNICIPALE PER OTTENERE IL TAGLIANDO INVALIDI/ LA DENUNCIA

Il marito: “Mi viene da piangere, ho bisogno del ticket di invalidità per il parcheggio. Mia moglie è paralizzata, senza quello non posso portarla da nessuna parte”

di Selena Marvaldi

handicap

Imperia -”Mi viene da piangere, ho bisogno del ticket di invalidità per il parcheggio. Mia moglie è paralizzata, senza quello non posso portarla da nessuna parte, ho bisogno di ridurre gli spostamenti al minimo per lei. E i vigili non me lo vogliono rilasciare“.

La signora P.Z. ha 69 anni ed è stata colpita da un arresto cardiaco e un ictus che le ha paralizzato tutta la parte sinistra del corpo costringendola su una sedia a rotelle. Le parole disperate del marito, il signor S.F. esprimono perfettamente la tragicità di una storia che, al dolore per il problema di salute che ha improvvisamente colto la moglie, aggiungono l’assurdità di una burocrazia rigida e complicata che rischia di negargli la possibilità di avere il ticket di invalidità per il parcheggio dei disabili.

Mia moglie ha avuto un ictus e un arresto cardiaco, passerà tutta la vita sulla sedia a rotelle – ha raccontato a Imperiapost il signor F. – Sono andato alla Asl con tutta la documentazione necessaria per dimostrare l’invalidità di mia moglie che, a fatica, riesce a muoversi da casa con la carrozzina. Ma quando sono andato dai Vigili per ottenere il ticket mi hanno detto che, se mia moglia non si fosse presentata in caserma a firmare il foglio non potevano rilasciarmelo“.

L’invalidità è certificata dal medico e anche se volessi portare fino alla comando mia moglie oltre a dover mobilitare tutti i miei parenti, la carrozzina non riuscirebbe manco a passare nei corridoi. Ero disperato, gli ho chiesto di venire a casa, di far firmare il foglio a mia moglie in loro presenza anche a casa visto che per portare multe e notifiche lo fanno, ma niente“.

Voler vedere un’invalida a tutti i costi per firmare un foglio è una cosa immorale. Se non mi vengono incontro sarò costretto a rinunciarci e non potrò portare mia moglie in giro, anche solo per fare la spesa“.