IMPERIA. GARA D’APPALTO DESERTA, ANCORA SENZA GESTORE LA SPIAGGIA LIBERA DI BORGO PRINO. ZAGARELLA: “LAVORIAMO A UN BANDO CON IMPORTANTI MODIFICHE”/ECCO LE NOVITÀ

Home Imperia

collage_spiaggia_zaga_nulla

E’ andata deserta la gara di appalto bandita dal Comune di Imperia per l’affidamento, per quattro stagioni, dal 2017 al 2020, della spiaggia libera di Borgo Prino.

A poco più di tre mesi dall’inizio della stagione estiva, dunque, la spiaggia libera attrezzata del Comune è ancora senza gestore. Nulla, però, secondo il vicesindaco Giuseppe Zagarella, è  perduto. L’amministrazione, infatti, ha in mente un nuovo bando, con alcune modifiche essenziali tali da renderlo più appetibile.

“Stiamo rideterminando una serie di fattori – spiega Zagarella a ImperiaPost  – in previsione di una nuova selezione pubblica. Gli anni saranno sempre quattro, ma cambieremo alcuni parametri. In particolare, stiamo studiando una riduzione del canone, in effetti allo stato attuale molto elevato, a fronte di una maggiore attenzione verso i servizi alla persona”.

La spiaggia di Borgo Prino non sembra avere pace, dato che è ormai da diverso tempo che non si trova un gestore fisso.  Nel 2015, la società che aveva regolarmente vinto la gara d’appalto, le Perle di Giada, di Davide Ghiglione,  aveva comunicato al dirigente del settore Porti e Demanio del Comune di Imperia Pierre Marie Lunghi l’impossibilità di proseguire sino a fine anno. Il Comune aveva provato ad affidare la spiaggia alla Go Imperia, ma dopo pochi mesi il lido ha iniziato a versare in condizioni di degrado

Nel 2016, a ridosso della stagione estiva, la società vincitrice della nuova gara d’appalto, la Sol Ponente, è stata esclusa dall’affidamento della spiaggia a causa di “dichiarazioni non veritiere”. In particolare era stata segnalata la mancata comunicazione di una condanna penale per Giuseppe Corradengo, ex presidente del sodalizio con sede ad Albenga. E’ così subentrata nella gestione la società “ASD Sea  Beach & Sport” di Imperia, seconda classificata al termine della gara d’appalto indetta dal Comune, ma, dopo neanche un mese, c’è stato un altro annullamento dell’affidamento, nuovamente a causa di “dichiarazioni non veritiere”. 

Da quel momento la spiaggia è abbandonata a se stessa, e ha raggiunto altissime condizioni di deterioramento e sporcizia, anche denunciate dagli stessi cittadini. Dopo alcune gare d’appalto andate deserte, sembra vicina una svolta positiva.