IN PARTENZA PER LE VACANZE ESTIVE. GLI IMPERIESI SCELGONO VIAGGI DI GRUPPO E METE A LUNGO RAGGIO:”GLI ATTENTATI TERRORISTICI INFLUISCONO SULLE SCELTE E…”/L’INCHIESTA

Home Imperia

viagindon

Tempo di vacanze estive. La crisi degli ultimi anni e i recenti attentati terroristici hanno avuto conseguenze anche nel settore turistico. Nonostante le problematiche, però, gli imperiesi non rinunciano alle vacanze estive e, laddove il budget lo consente, cercano di indirizzare le loro scelte verso mete più lontane, come Stati Uniti o Indonesia, oppure Nord Europa, come Svezia e Norvegia, o semplicemente Italia, prime fra tutte la Puglia.

Per conoscere più nel dettaglio le preferenze dei nostri concittadini nel scegliere la perfetta vacanza estiva, ImperiaPost ha svolto un’inchiesta recandosi in alcune agenzie di viaggi della città.

TOURING CLUB

“Quello che va molto quest’anno sono i matrimoni o le cerimonie simboliche all’estero. È un’attività che abbiamo iniziato da circa 2 anni e quest’anno è raddoppiata. Abbiamo richieste sia di matrimoni legali, in particolare a Zanzibar, in Messico, alle Seychelles e alle Mauritius, oppure semplicemente dopo essersi sposati in Italia celebrano una cerimonia simbolica o gli anniversari in altre località estere.

Abbiamo anche moltissimi viaggi di nozze, specialmente negli Stati Uniti, con il tour dei parchi e magari con estensione mare nelle isole caraibiche, oppure in Polinesia, safari in Tanzania. L’Indonesia è un po’ la “new entry” di quest’anno.

Per quanto riguarda le vacanza classiche, le mete privilegiate sono i paesi del nord/est Europa e gli Stati Uniti. Sono i luoghi dove la percezione di sicurezza è più alta. Sono bloccati invece i paesi dell’area medio orientale, nord Africa, per ragioni socio-politiche legate agli attentati terroristici. Le capitali europee, come Parigi e Londra, sono leggermente calate dal punto di vista dei viaggi singoli, mentre i viaggi organizzati e accompagnati da noi resistono sempre.

Considerando l’Italia, vanno la Sardegna e, soprattutto, la Puglia. La categoria che cerca più il risparmio sono ovviamente le famiglie, alle quali, per rimanere nel budget, cerchiamo di proporre alternative, offerte o cambiamenti di date”.

PALANTIR VIAGGI

“Non c’è stato sicuramente un aumento, ma neanche un calo. Sicuramente il clima socio-politico attuale fa la sua parte e penalizza le mete più classiche, come alcune capitali europee. Sono privilegiate soprattutto le mete lontane, come lo Sri Lanka o le crociere. I prezzi e le notti dipendono dal budget che ognuno mette in campo. Per l’Italia, sicuramente la Puglia”.

PONENTE VIAGGI

“Ciò che vendiamo di più sono viaggi organizzati per gruppi. Abbiamo diverse partenze per Portogallo, Sardegna, Sicilia.
Diminuisce un po’ il settore della villaggistica per famiglie, probabilmente perché ormai si tende a prenotare autonomamente su portali online. Noi svolgiamo sempre di più il ruolo di consulenti per viaggi di certo livello, soprattutto per destinazioni lontane, America, Vietnam, Cambogia, Russia. In Europa, c’è meno richiesta per le capitali in particolare negli ultimi 2 mesi a causa degli attentati. Per l’Italia siamo sempre sugli stessi livelli, e le mete più richieste sono Sardegna, Toscana, Puglia, Calabria”.

ETLIM TRAVEL

Rispetto agli ultimi 10 anni non ci sono state modifiche. Continua a mancare il mercato del medio oriente, Egitto, Tunisia, Marcocco, Algeria, nord Africa. Sta andando bene tutto quello che riguarda i gruppi in partenza sia a lungo raggio (Russia, Giappone, Nuova Zelanda, Bolivia), sia a breve raggio con tour in Italia e in Europa con volo o bus o giornaliere. La fascia di prezzo è quindi ampia, dai 50 a 5.000 euro a testa. Non risentiamo del declino mercato. La mancanza delle vecchie destinazioni come potevano essere le crociere sul Nilo o sul Mar Rosso hanno portato scegliere il nord Europa, Norvegia, Islanda, Danimarca, Svezia. Le capitali continuano ad andare, forse per affezione, perché ci si sente a casa.

L’Italia gira bene, abbiamo diversi tour con prenotazioni esaurite per tutta la stagione estiva, specialmente al sud e centro Italia. Abbiamo rilanciato Abruzzo, Molise, Marche e Basilicata. Le zone colpite dal terremoto offrono moltissimo. La Puglia è la più richiesta da alcuni anni. Per viaggi individuali vanno moltissimo le crociere in primis, poi soggiorni mare come Baleari, Spagna in generale, dove per i giovani ci sono occasioni di divertimento a prezzi accessibili. Mentre la Turchia, dove anni fa avevamo programmazioni settimanali, ora è out”.