PALLANUOTO MASCHILE. LA RARI NANTES IMPERIA VINCE 12 A 5 CONTRO L’ANDREA DORIA NEL CAMPIONATO DI SERIE C/I RISULTATI

Home Pallanuoto Sport

I giallorossi espugnano Lago Figoi battendo Andrea Doria per 5-12, al termine di una partita vibrante nella quale è accaduto davvero di tutto.

pallanuoto-1

La Rari trova la settima bellezza nel campionato di Serie C 2017-18. I giallorossi espugnano Lago Figoi battendo Andrea Doria per 5-12, al termine di una partita vibrante nella quale è accaduto davvero di tutto.

La contesa comincia con quasi mezz’ora di ritardo per l’assenza della giuria poi , fin dal primo avvio dell’arbitro, è gara vera. Gli imperiesi indirizzano la partita con una difesa granitica e Somà che infila gli avversari due volte dalla distanza. Lo segue capitan Rocchi prima del gol di Andrea Doria, a pochi secondi dalla prima sirena. I padroni di casa provano a tornare in partita ma Corio rimette le distanze; dall’azione successiva, però, la Rari dovrà fare a meno del bomber Andrea Somà: su azione offensiva doriana, il genovese Micene si allaccia con il giallorosso, l’arbitro indugia poi estrae il doppio cartellino rosso.

La Rari però non accusa il colpo: capitan Rocchi e Corio si trasformano da veri leader e trascinano i compagni al successo. La difesa è ermetica e l’attacco cinico: la Rari, in un tempo e mezzo infila un importante 1-7 parziale che mette la pietra tombale sulla partita. In rete vanno ancora Rocchi (tre volte), Rikardo Merkaj (doppietta e autore di una buonissima e coraggiosa prestazione) e Durante (doppietta anche per lui, puntelli di una partita decisa e giocata sapientemente).

La ciliegina viene messa da Corio che chiude una prestazione generosa, prima che i padroni di casa arrotondino il tabellino.

La Rari ha saputo mantenere la calma portando a casa tre punti d’oro. I veterani si sono travestiti da leader e i giovani hanno risposto con una prestazione spavalda e sempre ordinata. Senza mai accusare il colpo di un’assenza pesante come quella di Somà, in una partita decisamente dura dove sono fioccate le espulsioni e non sono mancate le proteste. Ma alla fine la Rari fa sette su sette.

TABELLINO
ANDREA DORIA – R.N.IMPERIA 5-12
(1-3; 2-3; 0-4; 2-2)
A.DORIA – Cardo, Piccinini, Parodi, Marenco 2, DI Stefano, Urdì, Maimone, Miceni, Orsi 1, Piccaluga, Moraci, Dall’Agata, Briganti 2. All.: LeFosse
IMPERIA – Amoretti, Spano, Merkaj E., Ramone, Merkaj R. 2, Giostra, Durante 2, Corio 2, Kovacevic, Somà 2, Rocchi cap. 4, Pedio, Merano. All.:
Note: in porta Merano (I) col numero 13. Espulsi per reciproche scorrettezze Miceni (A) e Somà (I) nel secondo tempo. Espulsi per proteste Gerbò, accompagnatore Imperia, nel secondo tempo, e accompagnatore A.Doria, nel terzo. Ammoniti per proteste gli allenatori Lefosse (A) e Pisano (I) nel terzo tempo. Usciti per limite di falli Urdì (A) nel terzo tempo e Piccinini (A) nel quarto. Sup.Num. A.Doria 3/7; Imperia 5/11 + un rigore realizzato da Rocchi

Segui Imperiapost anche su: