Imperia: itticoltura Galeazza, nasce ufficialmente il Comitato per opporsi al progetto. “Primo passo per poter agire”

Attualità Imperia

Dopo il primo incontro pubblico, che ha avuto una notevole partecipazione, è nato ufficialmente il Comitato “SiAmo Galeazza”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Non siamo più solo realtà virtuale”. Con queste parole Livia Carli, promotrice del fronte del no per la realizzazione dell’impianto ittico al largo della spiaggia libera Galeazza, a Oneglia, comunica ufficialmente la creazione del Comitato “SiAmoGaleazza”.

Itticoltura alla Galeazza: nasce il comitato

Dopo il primo incontro pubblico, che ha avuto una notevole partecipazione, è nato ufficialmente il Comitato “SiAmo Galeazza”, utile per portare avanti le posizioni contro la realizzazione delle vasche per l’allevamento di orate e branzini al largo della spiaggia. Progetto, quest’ultimo, portato avanti dalla società Aqua di Lavagna.

“Ieri ci siamo registrati ufficialmente come comitato spiega l’attrice teatrale Livia Carli a ImperiaPost – quindi possiamo a cominciare ad agire come soggetto interlocutore. Al momento fanno parte del comitato 30 persone, simbolicamente, ma è aperto a tutti. Abbiamo avviato anche una raccolta firme cartacea, oltre a quella online, per poi consegnarla fisicamente in Comune.

Chiederemo poi un incontro con il Sindaco di Imperia per capire come si pone l’amministrazione, dato che un allevamento ittico alla Galeazza avrebbe conseguenze per tutta la comunità, sia dal punto di vista dell’attività industriale, sia dal punto di vista ambientale. Inoltre, stiamo osservando che stanno nascendo altri comitati simili in tutta Italia, quindi potremmo pensare di metterci in contatto e di unirci”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!