Imperia: ex candidato sindaco Carlo Carpi in carcere a Genova. Parla l’avvocato Mensi. “Mi auguro possa tornare ai domiciliari”

Attualità Imperia

Gli aggiornamenti dell’avvocato Marco Mensi sul caso Carpi.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

L’avvocato Marco Mensi interviene, tramite una nota stampa, per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione di Carlo Carpi, imprenditore e già candidato sindaco nei comuni di Imperia e di San Remo con una sua lista civica.

Carpi, lo ricordiamo, è detenuto da oltre 12 mesi (annunciò il suo arresto via Facebook a fine giugno del 2019) nel carcere di Marassi a Genova a seguito di una condanna di un anno e 10 mesi per calunnia e stalking .

Ex candidato sindaco di Imperia, Carlo Carpi in carcere a Genova. Parla l’avvocato Marco Mensi

“Il Carpi (detenuto presso la Casa Circondariale di Genova Marassi dal 1/07/2019) sta scontando una condanna ad 1 anno e 10 mesi di reclusione per i reati di calunnia, stalking e diffamazione e si è già visto respingere più volte tutte le richieste di misure alternative alla detenzione che sono state presentate .

Lunedì 8 Giugno 2020 ha presentato al Magistrato di Sorveglianza di Genova una nuova richiesta di detenzione domiciliare secondo quanto previsto dall’ art. 123 L. n. 27 del 29/0472020 (cd. “Cura Italia”) ed in subordine secondo quanto previsto dall’ art. 1 L. 199/2010 (cd.”svuota carceri”) .

Si precisa infatti che sono venuti a cadere i presupposti in base ai quali l’ Autorità Giudiziaria ha sempre negato la detenzione domiciliare al mio assistito, recentemente infatti il Tribunale di Sorveglianza di Genova (in data 3/06/2020) ha annullato il decreto del Magistrato di Sorveglianza che disponeva la proroga della cd. “censura della posta” nei confronti del Carpi, poiché emesso in violazione di legge e quindi illegittimo .

Il Carpi era stato infatti colpito dalla censura della posta durante lo scorso autunno con un provvedimento in scadenza in data 12 Marzo 2020 che è stato prorogato dal Magistrato in assenza dei requisiti di legge, ovvero d’ ufficio e cioè in mancanza di una richiesta espressa da parte del Pubblico Ministero o del Direttore della Casa Circondariale come espressamente previsto .

Ne deriva che oggi il Carpi è libero di comunicare con chiunque e che per quasi tre mesi (dal 12 Marzo al 3 Giugno) è stato limitato nei suoi diritti da un provvedimento illegittimo .

In secondo luogo è venuto altresì meno il secondo motivo che induceva i magistrati a negare al mio assistito le misure alternative alla detenzione, ovvero il fatto che Carlo fosse affetto da una patologia psichiatrica che doveva essere curata presso il Centro di Salute Mentale, poiché in caso contrario avrebbe potuto reiterare i reati per cui è stato condannato.

Tale diagnosi è stata infatti resa dallo psicologo penitenziario ma poi smentita proprio da coloro che avrebbero dovuto prendere in cura il Carpi, ovvero il direttore della ASL 3 di Genova Dott. Marco Vaggi e dal Dott. Gianfranco Nuvoli, responsabile della equipe psichiatrica in servizio presso il Carcere di Marassi .

Il Dott. Nuvoli ha infatti escluso tassativamente che il mio assistito sia affetto da problemi psichiatrici rifiutando la sua presa in carico da parte del CSM poiché non necessiterebbe di alcuna cura, in quanto soggetto perfettamente sano .

Mi auguro quindi che il Carpi possa terminare di scontare la sua pena in detenzione domiciliare, anche alla luce della grave pandemia che purtroppo è ancora in corso ed a causa delle quale il pericolo di contagio all’ interno delle carceri è sempre alto”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!