18 Maggio 2024 09:09

Cerca
Close this search box.

18 Maggio 2024 09:09

Imperia: blitz della Guardia di Finanza in Ospedale, nel mirino l’appalto per le pulizie/Le immagini

In breve: Blitz della Guardia di Finanza questa mattina presso gli Ospedali di Imperia e Sanremo. Nel mirino, secondo quanto ricostruito, l'appalto per le pulizie. Ci sarebbero diversi indagati.

Blitz della Guardia di Finanza questa mattina presso gli Ospedali di Imperia e Sanremo. Nel mirino, secondo quanto ricostruito, l’appalto per le pulizie. Ci sarebbero diversi indagati tra i vertici della ditta incaricata, la Pulitori e Affini. La notizia è confermata dall’Asl. “Siamo a disposizione degli organi inquirenti”.

Imperia: appalto pulizie, blitz della Guardia di Finanza

Ad oggi l’appalto è in capo alla ditta Pulitori e Affini. Da quanto trapela i finanzieri, accompagnati da alcuni tecnici, avrebbero raccolto le testimonianze dei dipendenti, visonato, sequestrato e acquisito documenti e prodotti utilizzati per le operazioni di pulizia, effettuato tamponi con l’ausilio di periti. Le Fiamme Gialle hanno effettuato un blitz anche presso la sede principale della Pulitori e Affini, a Cinisello Balsamo.

Secondo quanto trapelato le accuse si concentrerebbero in particolare sui prodotti chimici utilizzati per le pulizie, con particolare riguardo al rispetto del contratto di appalto, e sulla procedure di sanificazione. Frode in pubbliche forniture e inadempimento di contratti di pubbliche forniture sarebbero le accuse. 

“Ci siamo resi disponibili a rispondere a tutte le richieste degli organi inquirenti – fanno sapere dall’azienda – Siamo rimasti piuttosto sorpresi, perché gli Ospedali di Imperia e Sanremo sono strutture costantemente controllate. Siamo comunque tranquilli, riteniamo di aver sempre operato nel rispetto del contratto e della legge”.

La Pulitori e Affini era già finita agli onori della cronaca locale nel dicembre del 2022 a seguito della denuncia di una dipendente, Patrizia Morello, e di un sindacalista, Alfredo Valeggio della Ugl  (qui la replica dell’azienda).

 

 

 

Condividi questo articolo: