Attualità, Golfo Dianese — 9 settembre 2017 alle 10:22

DIANO MARINA. MALTEMPO IN ARRIVO, L’EX VICESINDACO ELIO NOVARO: “A QUANDO LA PULIZIA DI TORRENTI E TOMBINI?”

“Dei tre torrenti che attraversano la cittadina, Mortula, Varcavello e San Pietro, il primo non dovrebbe
lasciare sonni tranquilli sia al Sindaco che all’intera giunta, in quanto risulta il più pericoloso “

di Redazione

novaro elio fiumi

“Si sta avvicinando rapidamente la stagione delle piogge e mentre da tempo, sia in una buona parte dei comuni della provincia di Imperia che in quelli della Regione, si sta provvedendo alla pulizia dei torrenti, a Diano Marina l’amministrazione comunale pare che, al momento, non abbia disposto alcun intervento”. Lo scrive l’ex vicesindaco Elio Novaro.

“Non sono lontani i tempi in cui alcune zone cittadine sono state allagate provocando ingenti danni ad abitazioni, magazzini e scantinati – prosegue Novaro – Dei tre torrenti che attraversano la cittadina, Mortula, Varcavello e San Pietro, il primo non dovrebbe lasciare sonni tranquilli sia al Sindaco che all’intera giunta, in quanto risulta il più pericoloso. La sua ultima radicale manutenzione risale all’anno 2011 dopodiche, malgrado le ripetute sollecitazioni fatte alle amministrazioni da parte sia dei cittadini che delle associazioni di volontariato, nulla più è stato fatto.

Eppure ad oggi risulta invaso da numeroso pietrisco ed erbacce per tutto il suo percorso, anche se il tratto che desta maggiore preoccupazione è quello tra la zona ex ferrovia ed il palazzo Alexander la cui luce di scorrimento non supera metri 1,70. Una esondazione di detto torrente significherebbe, come è già accaduto in passato, allagare parte della zona S.Anna, compreso Corso Europa e Piazza Papa Giovanni XXIII.

Non stanno certamente meglio sia il torrente Varcavello che il San Pietro. Il grido di allarme che si è inteso lanciare alla amministrazione comunale è quanto sollecita da tempo buona parte della cittadinanza, preoccupata per la trascuratezza in cui versano da tempo i tre torrenti. Anche i tombini delle vie cittadine necessitano di una radicale pulizia; pulizia mai avvenuta nel corso degli ultimi anni. C’è solo da augurarsi che le piogge autunnali, ormai alle porte, non siano devastanti come quelle avvenute in questi giorni in buona parte del nord Italia”