Imperia tra le città meno verdi d’Italia: PD replica a assessore Gandolfo. “Noi i fautori di isole pedonali, porta a porta e ciclabile”

Imperia Politica Politica

Il Partito Democratico della città di Imperia interviene, con una nota stampa, in merito alle dichiarazioni rilasciate dall‘Assessore all’Ambiente, sulla classifica dell’Ecosistema Urbano 2019.

“Ci sentiamo in dovere di intervenire per precisare le dichiarazioni rilasciate in data odierna dall’assessore all’ambiente del Comune di Imperia in merito alla classifica Ecosistema Urbano 2019 inerenti alle performance ambientali dei capoluoghi di provincia italiani, nella quale Imperia si colloca al 90esimo posto sui 104 capoluoghi esaminati.

L’assessore dichiara di aver trovato a luglio 2018 “ una città ferma che non ha fatto passi in avanti” con una “ grave responsabilità nel non scegliere un sistema di raccolta che portasse ad essere un comune virtuoso” e di non sentirsi “oggettivamente responsabili” per la le risultanze della classifica.

Ricordiamo all’assessore che i primi fautori della scelta di un sistema di raccolta differenziata porta a porta e dell’inizio dell’iter che ha portato oggi all’utilizzo di tale sistema, siamo stati noi all’interno della passata amministrazione imperiese, una scelta coraggiosa che avrebbe voluto un sistema in house providing a differenza di quello attuale con tutte le problematiche annesse che oggi i cittadini imperiesi posso tristemente osservare.

L’assessore parla inoltre di pista ciclabile senza citare chi la pista ciclabile l’ha voluta e chi ha ottenuto il più grande finanziamento che la storia della città di Imperia possa ricordare ovvero il PD imperiese con l’aiuto del governo nazionale targato PD.

Aggiungiamo che siamo stati anche noi i fautori delle isole pedonali, dando respiro, anche dal punto di vista della qualità dell’aria, ad alcune zone cittadine vedi Parasio e Via Cascione, operazioni che vengono mirate quotidianamente dall’attuale amministrazione imperiese.

Ci auguriamo infine che la frase di chiusura dell’assessore “ lasceremo nel 2023 una città nella parte alta della classifica” si verifichi realmente ma se questo avverrà non sarà oggettivamente il risultato delle sole scelte di questa amministrazione ma di un percorso iniziato nella passata amministrazione comunale”.