Imperia: depuratore sversa reflui sulla costa. La perdita c’era già nel luglio 2020, la prova in un video/L’inchiesta

Attualità Imperia

Un video testimonia come il depuratore sversasse in mare ben prima del settembre 2020, data in cui il Comune intimò a Rivieracqua di eseguire la riparazione.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

L’inchiesta del nostro giornale sullo sversamento in mare del tubo di mandata del depuratore si arricchisce di nuovi particolari. La redazione è infatti venuta in possesso di un video che testimonia come il tubo, danneggiato, sversasse in mare già ben prima del mese di settembre 2020, data in cui il Comune di Imperia emise l’ordinanza con la quale intimò a Rivieracqua di eseguire i lavori di riparazione.

Imperia: depuratore sversa in mare, la perdita già presente nel luglio 2020

“Abbiamo saputo del danno il 18 di settembre”.  Così l’assessore Laura Gandolfo in consiglio comunale lo scorso 21 gennaio, in risposta a una questione time del consigliere di opposizione Alessandro Savioli, sullo sversamento in mare del tubo di mandata del depuratore. 

Il video di cui siamo venuti in possesso, seppure breve, dimostra però che lo sversamento in mare era già presente almeno dal luglio 2020, ovvero due mesi prima dell’ordinanza firmata dal Sindaco Scajola. Com’è possibile che nessuno, tra Comune, Rivieracqua e Amat, si sia accorto della perdita nel corso della stagione estiva? Eppure, basta fare due chiacchiere con chi lavora nell’area circostante lo sversamento per avere contezza del fatto che, probabilmente, lo sversamento ha origini molto più lontane. C’è chi parla addirittura di due anni.

A questo punto, una domanda appare più che lecita. Da quanto tempo, realmente, il tubo di mandata del depuratore sversa in mare, a due passi dalla costa, reflui fognari trattati che per legge dovrebbero essere portati in mare aperto, a 1.5 km di distanza dalla costa e a 30 metri di profondità? Quanto è peggiorata la perdita, nel tempo, a causa della mancata riparazione? Secondo quanto comunicato dal Comune di Imperia con nota del 1° dicembre 2020 i reflui non sarebbero ben depurati (“il liquido che  fuoriesce dalla tubazione danneggiata non sembrerebbe, ad un primo esame del tecnico che ha effettuato il sopralluogo, refluo depurato come invece dovrebbe essere)”. Che danni può aver provocato all’ecosistema marino uno sversamento di reflui non perfettamente depurati che insiste almeno da quasi un anno, così come testimoniato dal video di cui siamo entrati in possesso? 

Lavori affidati dopo 6 mesi dall’ordinanza del Sindaco Scajola

Il Comune di Imperia, solo nei giorni scorsi, il 2 aprile, a sei mesi dall’ordinanza firmata dal sindaco Claudio Scajola il 18 settembre del 2020 e dal successivo impegno di spesa per 160.600 euro, ha siglato la determina dirigenziale che approva la stipula del contratto con la Marittima Group Service,  per i lavori di riparazione, entro 45 giorni, della condotta del depuratore.

Stando a quanto si è appreso, i tubi, appositamente costruiti da una ditta specializzata, sono finalmente pronti e il cantiere dovrebbe essere posto in essere fra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, ma l’intervento non si preannuncia affatto semplice. I tecnici infatti dovranno prima mettere in sicurezza l’area e creare una sorta di diga per prosciugare la parte attorno al tubo e quindi verificare la reale consistenza del danno per procedere alla riparazione.

Per effettuare l’intervento sarà anche necessario interrompere lo scarico a mare del depuratore, che verrà deviato su altri tratti fognari.

 

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!