Assonautica Imperia: un buco da oltre 130 mila euro. Via libera soci al commissariamento/Il caso

Attualità Imperia

Il bilancio consuntivo di Assonautica provinciale di Imperia è stato votato oggi pomeriggio dall’Assemblea dei soci. Nella stessa seduta, l’Assemblea ha anche approvato la richiesta di commissariamento del Consiglio direttivo

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Un buco che supera  130 mila euro (oltre 60 mila riferiti al 2019 e 70 mila riferiti al 2020 di disavanzo). E’ il bilancio consuntivo di Assonautica provinciale di Imperia, votato oggi pomeriggio dall’Assemblea dei soci nel corso di una lunga riunione, conclusasi in serata. Nella stessa seduta l’Assemblea ha anche approvato la richiesta di commissariamento del Consiglio direttivo avanzata dalla Giunta della Camera di commercioper risanare le criticità finanziarie e salvaguardare l’organizzazione delle Vele d’Epoca di Imperia”, già programmate per il prossimo settembre.

La richiesta di commissariamento domani al vaglio del Consiglio nazionale di Assonautica

Dall’Assemblea un comunicato ufficiale di poche righe: “Si è riunita, questo pomeriggio, l’Assemblea di Assonautica Imperia per l’approvazione del bilancio consuntivo 2020 e per formalizzare ai Soci le dimissioni del Presidente Meini che hanno avuto, come da statuto, la conseguente decadenza del Consiglio Direttivo stesso. Per superare l’attuale fase di stallo gestionale e di difficoltà finanziaria dovuta al perdurare della pandemia Covid 19, l’Assemblea propone ad Assonautica Nazionale il commissariamento della sezione di Imperia al fine di procedere con la nomina dei nuovi vertici e di salvaguardare così la possibilità di procedere all’organizzazione delle Vele d’Epoca 2021″. Poche parole per dare, in sostanza, tutta la colpa alla pandemia. Nessun riferimento, per esempio, al fatto che i dipendenti di Assonautica, Marcella Roggero, assessore del Comune di Imperia e Riccardo Ghigliazza, siano andati una in aspettativa e uno in cassa integrazione soltanto a settembre 2020, quando ormai il Raduno era saltato.

A dover decidere la nomina del commissario sarà il Consiglio di Assonautica nazionale, del quale fa parte anche il presidente della Camera di commercio Enrico Lupi. La pratica sarà esaminata già nella giornata di domani.

Meini aveva espresso dubbi sulla possibilità di fare il Raduno a settembre. Smentito da Assonautica e Comune

Il presidente Enrico Meini, che si era dimesso fin dall’ottobre dello scorso anno, si è detto “soddisfatto della decisione dell’Assemblea” ed ha augurato “buon lavoro a chi verrà dopo“. Nessuna polemica, quindi, da parte di Meini, che nel marzo scorso aveva espresso seri dubbi sul fatto che si potesse fare il Raduno di quest’anno, per essere smentito, nell’arco di poche ore, dalla stessa Assonautica e dal Comune di Imperia.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!